Creepypasta Italia Wiki
Advertisement
Creepypasta Italia Wiki
Caroll

Luogo Omicidi: Stati Uniti – San Diego (California), Dallas (Texas), Las Vegas (Nevada), Oklahoma City (Oklahoma), Casper (Wyoming)

Periodo Omicidi: 1947 – 1980

Vittime: 13 +, donne (prostitute)

La madre tradisce ripetutamente il marito mentre quest'ultimo è arruolato nell'esercito e, quando deve incontrare un amante, si porta dietro il piccolo Carroll che ha solo 5 anni; lo obbliga ad assistere ai suoi incontri promiscui (che, spesso, degenerano in vere e proprie orge), minacciandolo di tremende punizioni nel caso in cui riveli al padre i suoi tradimenti. Durante tutta l'infanzia, la madre lo obbliga a indossare vestiti femminili pieni di pizzi e merletti e a sfilare quando la vengono a trovare degli amici; lo costringe anche a servire come “cameriera” nei festini in cui le sue amiche si riuniscono per prendersi gioco della “piccola bambina di mamma”. Anche la scelta di un primo nome tipicamente femminile (Carroll) è fatta dalla madre allo scopo di umiliarlo per tutta la vita e fargli sorgere dei complessi sulla sua identità sessuale. La madre lo iscrive alla scuola elementare un anno indietro rispetto agli altri bambini, che, da subito, lo prendono in giro per il nome e lo chiamano “femminuccia”. In casa, l'atmosfera fra il piccolo Carroll e la madre è costantemente venata di tensione; il padre, una volta congedato dall'esercito e tornato a casa, mantiene un atteggiamento distaccato: riprende formalmente il ruolo di capofamiglia, ma finge di non accorgersi dei continui tradimenti della moglie e non si occupa minimamente dell'educazione di Carroll. L'unica cosa che fa il padre è quella di scaricare la sua frustrazione e il senso di fallimento personale sfogando violenza repressa sui figli, sgridati per i pretesti più futili. Ben presto, Carroll Cole inizia a disprezzare il padre perché non lo considera un vero uomo. Durante tutto il periodo scolastico, viene preso in giro pesantemente dai compagni, finché, dalle medie in poi, si mette a picchiare sistematicamente tutti quelli che lo deridono. Si arruola in Marina dopo aver abbandonato il liceo, ma ben presto si fa espellere per aver rubato alcune pistole con le quali si era messo a sparare a caso sulle macchine che passavano in autostrada. Torna a casa nel 1960 e aggredisce con un martello due coppie che passeggiavano per strada. Nel frattempo, nella sua mente aumentano le fantasie di strangolare ragazze che gli ricordano la madre adultera. A seguito delle manifestazioni di violenza, viene inviato in osservazione in un ospedale psichiatrico nel quale rimane fino al 1963, quando esce e sposa una prostituta alcolizzata; il matrimonio, però, dura poco a causa dei continui maltrattamenti ai quali sottopone la donna. Dopo il divorzio, nel 1978 sposa un'altra prostituta alcolizzata che, in seguito, diventerà una delle sue vittime. Carroll Edward Cole commette il primo omicidio all'età di 9 anni, annegando in un lago un compagno di scuola che lo prendeva in giro più degli altri. Quando venne scoperto il cadavere, si pensò a un incidente e Cole non venne mai sospettato finchè non confessò lui stesso l'omicidio, molti anni dopo. A partire dall'adolescenza, la sua vita è un continuo susseguirsi di comportamenti violenti, di arresti e di tempo trascorso in istituti psichiatrici: da ragazzo viene arrestato per ubriachezza e piccoli furti; dopo aver commesso altri furti e aggressioni, nel 1965 provoca un incendio doloso; rilasciato, subisce un nuovo arresto per il tentato omicidio di una bambina di undici anni. La sfera sessuale è decisamente disturbata. Cole è un serial killer necrofilo: a volte, si corica nel letto con i cadaveri subito dopo gli omicidi. Inizia a masturbarsi all'età di 7 anni, quando un ragazzo più grande di lui, amico di suo fratello, entra nel bagno e gli fa vedere come si fa. Da quel momento, prende a masturbarsi quotidianamente e anche più volte al giorno. Ha una sessualità molto precoce e non riesce a tenerla a freno: un giorno si ritrova a giocare da solo in casa con una cuginetta; iniziano a fare il “gioco del dottore” e lui le toglie le mutandine e si mette ad accarezzarla nelle parti intime, poi tenta di penetrarla con le dita senza però riuscirci. Dopo questo episodio, Cole prova un forte senso di colpa e si convince che c'è qualcosa di sbagliato in lui e che non sarà mai un vero uomo (proprio come il padre). Quando viene arrestato definitivamente, nel 1981, Cole confessa gli omicidi, ma sostiene di aver ucciso sotto l'influsso dell'alcol. Dice che le vittime gli ricordano la madre adultera e di averle uccise perché sono tutte infedeli e che gli propongono di appartarsi con lui per fare sesso; Cole le segue in macchina o nei loro appartamenti e le strangola. In un'occasione, smembra il cadavere e pratica il cannibalismo. Carroll Edward Cole è stato giustiziato nel dicembre 1985.

La storia di Carroll Edward Cole è un perfetto esempio di come il comportamento dei genitori possa essere distruttivo per un bambino e per il suo sviluppo futuro. Cole cresce con un'identità sessuale poco definita e confusa e ciò avviene per vari motivi: - Gli viene dato un nome che normalmente è riservato a una bambina - Per anni, la madre lo veste con abiti femminili - I compagni di scuola e le amiche della madre lo prendono in giro continuamente, chiamandolo “femminuccia” e con appellativi simili - Il padre non rappresenta un modello maschile adeguato per lui


Tratto da: "I serial Killer" di Vincenzo Maria Mastronardi e Ruben De Luca

Advertisement