FANDOM


Ha fatto uno strillo giocoso mentre la acchiappavo. Era chiaro che si stava divertendo, stava ridendo fino alle lacrime. "Papà, smettila, mi fanno male i fianchi!". Continuava a ridere. La sua gioia era contagiosa; sorrisi, per una volta negli anni. Sorrisi. Oserei dire che ho sorriso più quel giorno di quanto non abbia fatto in tutta la mia vita. Ahimè, tutte le cose buone devono finire, era stanca e si addormentò poco dopo.

Mia moglie tornò presto a casa. Era così felice di vedermi: urlò di nuovo il mio nome, ridendo fino alle lacrime. Mi abbracciò, ancora ridendo. Ho continuato a sorridere. Abbassò lo sguardo e vide lo strumento con cui avevo acchiappato mia figlia, rapidamente riprendendo a concentrarsi sui miei occhi. Ho continuato a sorridere. "Michael..." Le lacrime continuarono a fluire sul suo viso per l'eccitazione. "Come hai potuto fare questo al nostro piccolo angelo?". Tentò di correre, ma era troppo lenta.


"Presa...", sorrisi di più: "Ce l'hai".

Tradotto da Creepypasta.org

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.