FANDOM


Mi sedetti con la mia ciotola piena di popcorn e burro, proprio come piaceva a me. Presi il telecomando e cominciai a cambiare canale. C’era sempre la stessa roba, pubblicità di giocattoli o soap opere di famiglie italiane che non riuscivano a vivere insieme. Mi fermai al canale delle news.

È stata riportata un’evasione dalla prigione di Rockfield. Un uomo, che uccise 37 persone, tra cui tre poliziotti, non è stato trovato nella prigione oggi. L’ultima volta che è stato visto fu ieri notte intorno alle 21:40. È ancora incerto se è evaso o se è stato ucciso e nascosto da qualche prigioniero, nonostante una guardia è stata trovata morta stanotte vicino alla sua cella.”

Mi alzai e camminai verso la cucina. Era da mesi che non facevo i popcorn, mi ero dimenticato quanto burro metterci. Non ne avevo messo abbastanza. Lo misi giù perché avevo un urgente bisogno di andare al bagno. Dopo aver usato la toilette, camminai di fuori e mi imbattei in una volante della polizia. Vagai intorno al vicinato finché non vidi una casa senza macchine, ma con una luce all’interno.

Parcheggiai la macchina sulla strada e uscii. Camminai fino al retro della casa e attraverso la finestra vidi una luce. Potevo vedere qualcuno sul computer, in un sito con uno sfondo nero e molte icone rosse. Appena scavalcai la finestra, diedi un’occhiata al mio braccio destro.

La tuta arancione era macchiata di sangue ovunque sul braccio, ne avevo un po’ anche sul petto. Decisi di tenerlo così, meglio sorprendere la vittima.


Fonte

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.