- Ed era lì, che mi guardava -



Uno sguardo vitreo, vuoto; parve inesistente.

Un volto smagrito, imbrattato dalla mera realtà che n'è comportato.



- Vattene via -



Faceva del suo, lo sguardo inflessibile d'un padre; ormai beffato.

Ed un velo turgido di solennità, ne risaltava i più vacui tratti.



- Vattene via, ti prego -



Le urla ruppero quel criptico silenzio che s'era calato; si dissolse.

Ed il confine che n'era dipeso, divenne ancora più labile.



- VATTENE VIA, MALEDETTO! -



Un volgare sorriso, mi avvolse nella sua cupa saldezza; calò il silenzio.

Ed io, testimone d'un quiete frastuono; riuscì a chiudere ciglio.



- Ed a lui, mi avvicinai -



Frammenti, niente più.






...Detesto il mio riflesso.

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.