FANDOM


Scotch, colla, qualche adesivo.


Cancelleria necessaria.

Talvolta indispensabile.

Per unire i frammenti.



Mastice, chiodi, un bullone ben lucido.


Dalla gamba del tavolo alla mensola rotta.

La Resurrezione è possibile.

La Morte, mutabile.



Abbracci, carezze, due baci in fronte.


Poca differenza tra un cuore ed il tek.

Così come utensili.

Gli umani si posson riparare.



Lo schiaffo, un urlo, il singhiozzo mostruoso.


Così difficile costruire.

Così facile rompere.

Così faticoso aggiustare.



Acume, ingegno, la soluzione corretta.


Innumerevoli test.

Grossolani errori.

Ma alla fine, ce l'ho fatta.



Non piangete, non piangete, tutto è risolto.


Non ci sarà violenza.

né odio; non più.

Vi ho aggiustato.



“Ti voglio bene mamma; papà.”

      
33f7pet













Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.