Creepypasta Italia Wiki
Advertisement
Creepypasta Italia Wiki
Gertrude-baniszewski002

Sylvia Marie Likens (Lebanon, 3 gennaio 1949 – Indianapolis, 26 ottobre 1965) è stata una ragazza americana dell'Indiana vittima di un brutale omicidio.

È stata torturata fino alla morte da Gertrude Baniszewski (nata Van Fossan), i suoi figli, e altri giovani del loro quartiere. I suoi genitori, che erano giostrai, avevano lasciato Sylvia e sua sorella Jenny nelle mani della famiglia Baniszewski tre mesi prima della sua morte in cambio di 20 dollari alla settimana. La Baniszewski, due dei suoi figli, Paula e John, e due giovani del quartiere, Coy Hubbard e Richard Hobbs, furono incriminati e condannati per il delitto. La tortura e l'assassinio di Sylvia Likens furono descritti dal pubblico ministero nel processo contro la Baniszewski come "il peggior crimine mai commesso nello Stato dell'Indiana".

Nel mese di agosto del 1965, la Baniszewski punì Sylvia perché una volta aveva permesso ad un ragazzo di parlarle. La Baniszewski la punì sia verbalmente che fisicamente abusando della ragazza. In quel periodo, la Baniszewski iniziò a permettere ai bambini di età superiore a Sylvia, di "utilizzarla" come una sorta di giocattolo, con "giochi" che andavano dai pestaggi a l'essere spinta giù per le scale. La Baniszewski accusò Sylvia di essere una prostituta, e da quel momento la trattò come una prostituta vera e propria.

Poco dopo, Sylvia e Jenny dissero a dei compagni, che avevano visto Paula e Stephanie (2 delle figlie della Baniszewski) fare sesso con dei ragazzi in cambio di denaro. Quando Stephanie di 15 anni, fidanzata ad Hubbard Coy, scoprì che Sylvia e Jenny avevano parlato, lo raccontarono alla Baniszewski, la quale cominciò a picchiare Sylvia. Da allora in poi, Hubbard, con l'incoraggiamento della Baniszewski, fece frequenti visite a casa Baniszewski, durante le quali, la Baniszewski avrebbe istruito il ragazzo a fare violenze su Sylvia. La Baniszewski aizzò molti dei compagni di classe di Sylvia a farle cattiverie, incoraggiandoli a picchiarla. Inoltre convinse un certo Ricky Hobbs, un ragazzo del quartiere, per aiutarla a picchiare Sylvia.

Sempre nel mese di agosto del 1965, la casa vuota vicina alla residenza Baniszewski fu acquistata da una coppia di mezza età di nome Phyllis e Vermillion Raymond. Vermillion un giorno organizzò un barbecue in giardino, in modo che le due famiglie potessero venire a conoscenza l'un l'altra. Lì, notò Sylvia in giro per il cortile con un occhio nero, e Paula (una delle figlie della Baniszewski), disse con orgoglio a Phyllis, che era stata lei. Poi, sotto la supervisione della Baniszewski, Paula si avvicinò a Sylvia con un bicchiere di acqua bollente, e lo gettò in faccia a Sylvia. Nessuno dei Raymond segnalò mai questo incidente alle autorità. Poi videro anche Paula battere Sylvia con una cintura, ma ancora una volta, non riferirono nulla alle autorità.

In questo periodo, Sylvia rubò una tuta da ginnastica da scuola perché Gertrude non aveva i soldi per comprarne una. La Baniszewski quando lo venne a sapere e fatto confessare a Sylvia il fatto, gli bruciò la punta delle dita di con una sigaretta accesa. Dopo questo incidente, i fumatori in casa Baniszewski, frequentemente spegnevano le sigarette sul corpo di Sylvia.

Poco dopo, ancora una volta la Baniszewski accusò Sylvia di prostituzione. La Baniszewski la portò nel soggiorno della casa e Sylvia fu costretta a denudarsi davanti ai figli della donna, minacciandola che se non lo avesse fatto, avrebbero picchiato la sorella Jenny. Una volta che Sylvia fu completamente nuda, la Baniszewski le porse una bottiglia di vetro della Coca Cola, e Sylvia fu costretta a masturbarsi violentemente con essa per i ragazzi.

A seguito dell'incidente con la bottiglia di Coca-Cola, Sylvia diventò incontinente, di conseguenza, la Baniszewski la rinchiuse nello scantinato, dove mancava anche la toilette.

La Baniszewski trasformò Sylvia in una opportunità per fare soldi, e fece pagare ai bambini del vicinato un nichelino per il nudo di Sylvia o anche per spingerla giù per le scale al piano seminterrato. Era costantemente nuda e raramente alimentata. Spesso, la Baniszewski avrebbe costretto Sylvia a mangiare le proprie feci.

In questo periodo, Jenny riuscì a contattare la sorella maggiore Diana, che era sposata e aveva una famiglia tutta sua. Jenny gli descrisse gli orrori a cui lei e Sylvia, erano sottoposte quotidianamente e chiese a Diana di contattare la polizia per potere essere salvate. Diana ignorò la lettera, credendo che Jenny fosse semplicemente dispiaciuta per essere stata punita, e che si fosse inventata la storia per fare in modo che la sorella maggiore potesse andare a vivere con loro 2.

Poco dopo, il ministro Baniszewskis, Roy Giuliano, fece visita alla casa. Gertrude si lamentò con lui che Sylvia era un onere pesante per lei, sostenendo che la ragazza era una prostituta, e che era rimasta incinta. Paula Baniszewski era incinta di diversi mesi, ma Gertrude Baniszewski insistette sul fatto che sua figlia era vergine e che Sylvia stava tentando di far passare il suo misfatti proprio su Paula.

Poco dopo, Diana venne a visitare le sue sorelle. La Baniszewski si rifiutò di farla entrare in casa. In un primo momento le disse che Lester l'aveva contattata ed istruita per non fare entrare Diana in casa. Quando Diana mise in dubbio questo, la Baniszewski la minacciò di chiamare la polizia e farla arrestare per violazione di domicilio. Diana si nascose nelle vicinanze della casa fino a quando non notò Jenny fuori, e poi si avvicinò. Jenny disse alla sorella maggiore che non gli era permesso parlare con lei e poi corse via.

Preoccupata però, Diana contattò i servizi sociali. Quando una assistente sociale arrivò a casa, la Baniszewski la informò che aveva preso a calci Sylvia e mandata fuori di casa per essere fisicamente immonda e diventata una prostituta, e che Sylvia aveva provato a scappare. La Baniszewski poi disse a Jenny che se avesse detto la verità all'assistente sociale, si sarebbe unita a sua sorella nuda nel seminterrato. Jenny poi disse all'assistente sociale che Sylvia aveva effettivamente provato a scappare. L'assistente sociale tornò nel suo ufficio, dove presentò un rapporto che indicava che non c'era più bisogno di andare a casa Baniszewski.

Il 21 ottobre, la Baniszewski disse a John Jr., Coy, e Stephanie di portare Sylvia su dalla cantina e legarla ad un letto. La mattina seguente, la Baniszewski fece ripetere a Sylvia il suo strip-tease per i suoi figli e i ragazzi quartiere. Ancora una volta si raggiunse il punto culminante, forzando Sylvia a masturbarsi con una bottiglia di Coca Cola. Quando lo spettacolo finì, Sylvia era legata e imbavagliata, mentre uno dei ragazzi della Baniszewski riscaldava un ago da cucire. Gertrude e Ricky Hobbs lo usarono per scolpire la frase: "Sono una prostituta e fiera di esserlo" nello stomaco di Sylvia.

Soddisfatta, la Baniszewski lasciò la stanza, lasciando Sylvia legata, imbavagliata, e nuda. A questo punto, i ragazzi scolpirono una "S" nel mezzo del petto.

Più tardi quella notte, la Baniszewski andò nello scantinato e portò al piano di sopra Sylvia, e le permise di dormire in uno dei letti. Le fu permesso di dormire fino a mezzogiorno del giorno successivo. Una volta che Sylvia fu sveglia, la Baniszewski e Stephanie la portarono in bagno e la lavarono. La Baniszewski e Paula la vestirono, poi le dettarono una lettera che Sylvia dovette scrivere e che era destinata ai suoi genitori in fuga.

Dopo che Sylvia terminò la lettera, la Baniszewski studiò un piano per portare Sylvia in una discarica nelle vicinanze e lasciarla lì a morire. Sylvia sentì queste parole e cercò di fuggire per la porta d'ingresso, ma non riuscì a farlo in silenzio. Gertrude se ne accorse, e la riprese, riportandola in casa e la picchiò.

Il 24 ottobre, la Baniszewski entrò in cantina e tentò di colpire Sylvia con una clava: prima però aveva cercato di colpirla con una sedia, ma sbagliò e la spezzò contro il muro. Poi cercò di picchiarla sulla testa con una pagaia, ma la pagaia gestita male sbattè con violenza contro il muro e le tornò in viso, oscurandole un occhio. Hubbard Coy intervenne e colpì Sylvia con un manico di scopa e la lasciò incosciente sul pavimento.

Nel corso di quella notte e nelle ore del mattino del 25 ottobre, Sylvia bussò il piano interrato con la parte di una pala di ferro. I vicini di casa avrebbero poi riferito di aver preso in considerazione di chiamare la polizia, ma alla fine non si sa perchè decisero di non farlo.

Il 26 ottobre la Baniszewski disse ai ragazzi che avrebbe fatto vedere loro un bagno di Sylvia. Stephanie e Ricky la portarono al piano di sopra e la misero nella vasca completamente vestita, ma la portarono fuori quando si resero conto che non respirava più. Stephanie provò a dare a Sylvia CPR (Cardio-Pulmonary Resuscitation), ma Sylvia era già morta.

Baniszewski Hobbs chiamò la polizia. Quando i poliziotti arrivarono la Baniszewski diede loro la lettera che aveva fatto scrivere a Sylvia in mezzo alla confusione. Jenny Likens sussurrò a uno dei poliziotti, "Fatemi uscire di qui e vi dirò tutto". Questa affermazione, unita con la scoperta della polizia del corpo di Sylvia nel seminterrato, indusse gli agenti ad arrestare la Baniszewski, Paula, Stephanie, John Hobbs, e Hubbard per omicidio. Altri bambini del quartiere, presenti al momento - Mike Monroe, Randy Lepper, Duca, e Siscoe - furono arrestati per "lesioni a una persona".

L'autopsia di Sylvia Likens evidenziò ustioni, contusioni, danni muscolari e nervosi. La sua cavità vaginale era gonfia. Un esame preciso del canale, determinò che il suo imene era ancora intatto. La causa ufficiale della morte fu edema cerebrale, emorragie interne, e lo shock.

La Baniszewski fu giudicata colpevole di omicidio di primo grado. Fu condannata al carcere a vita senza possibilità di libertà condizionata.

Alla Baniszewski in appello, fu concesso un nuovo processo, e fu nuovamente riconosciuta colpevole, anche se questa volta fu condannata a 18 anni. Nel corso di quei 18 anni, la Baniszewski diventò una prigioniera modello, lavorando nel laboratorio di cucito e diventò una madre per le più giovani detenute. Nel 1985, aveva guadagnato il soprannome di "Mamma carcere".

La notizia di sentire parlare la Baniszewski arrivò alla famiglia Likens. Jenny Likens e la sua famiglia apparvero in televisione per parlare contro la Baniszewski. La comunità dell'indiana in 2 mesi raccolse oltre 4.500 firme per far restare la Baniszewski dietro le sbarre, ma nonostante questo gli fu concessa la libertà vigilata. Durante l'udienza disse le seguenti parole: "Non so che cosa avessi dentro ... perché ero piena di droga. Non l'ho mai conosciuta ... Mi assumo tutta la responsabilità per ciò che è successo a Sylvia".

La Baniszewski uscì di prigione il 4 dicembre 1985, e viaggiò in Iowa, morì di cancro ai polmoni nel 1990.


Fonte: Wikipedia

Advertisement