Creepypasta Italia Wiki
Advertisement
Creepypasta Italia Wiki

Una fitta. È come un fulmine a ciel sereno, è tutta questione di un attimo. La vita vola via da te, un dolore breve ma pungente... e poi buio. Solo buio, nient'altro.

È successo a me. Stavo tranquillamente a fumare una sigaretta sul balcone della mia stanza e poi, all'improvviso, sentii un forte dolore. La sigaretta scivolò dalle mie labbra, abbassai lo sguardo e notai una lama che usciva dal mio stomaco. Mentre osservavo la scena, notai un pezzo di carne uscire da quella ferita. Rimasi inorridito dalla scena: quello probabilmente era il mio intestino che era sbucato fuori. Gli occhi a momenti mi uscivano dalle orbite. Il sangue mi salì in bocca e affogò le mie grida di dolore. Crollai a terra e le palpebre si chiusero lentamente. Poi buio. Tutto questo può essere successo in un secondo o in un'eternità, non so dirlo con certezza.

"La vita è così fugace: un attimo ci sei e l'attimo dopo non ci sei più".

Quello fu il mio ultimo pensiero. Poi anche il cervello si spense insieme al resto del corpo.


Mi svegliai madido di sudore. Ero nel mio letto, immerso nel buio della mia stanza. Avevo avuto un incubo! Il cuore mi batteva così forte che a momenti poteva schizzarmi via dal petto! Terrorizzato dal brutto sogno che avevo fatto e dominato dall'ansia, aprii la finestra e uscii sul balcone. Per calmarmi accesi una sigaretta e ripensai all'incubo. Cazzo, quanto era reale! A momenti non riuscivo più a distinguere il sogno dalla realtà! Era così... Così... reale, appunto! Il dolore lo sentii per davvero, come se veramente qualcuno mi avesse dato una coltellata nella pancia! Pensai anche di essere morto e di essere diventato un fantasma o qualcosa del genere, ma io non credevo al paranormale e quindi esclusi l'ipotesi.

La sigaretta stava finendo, l'ultimo tiro e sarei tornato a letto. Proprio in quel momento risentii di nuovo quel dolore allucinante e rimasi sbalordito. Guardai la mia pancia e notai il coltello che la trapassava, lo stesso del sogno! Cascai a terra incredulo mentre gridavo dal dolore. Era successa la stessa cosa che avevo sognato! Chiusi piano le palpebre e avvertii che tra poco sarebbe sopraggiunta la morte.

Prima di esalare l'ultimo respiro ebbi il tempo di pensare:

"Un momento, questo è un sogno o la realtà?"

Advertisement