FANDOM


Essere un bambino a volte è davvero snervante...

I grandi non ti ascoltano mai, per non parlare dei miei genitori poi... insomma, anche se ho solo 8 anni non significa che io sia stupido!

Ma da oggi non sarà più così, da quando ho incontrato Jake è cambiato tutto!

Jake è un bambino come me, ha anche lui 8 anni, i capelli neri e la pelle bianchissima. Non so dove abiti, ma fatto sta che non ho mai visto i suoi... Dice di odiare i suoi genitori... Perché lo picchiano, ecco perché viene spesso da me!

Lui mi ascolta, viene a trovarmi tutti i giorni, a volte dorme nel mio stesso letto, non parla tanto, anzi, se devo essere sincero è molto silenzioso.

La mamma non vuole che io parli con lui, una volta ha detto che mi farà uscire fuori di testa, e Jake ci è rimasto molto male...

il giorno dopo stavo giocando in giardino con Jake, ma mia mamma arrivò e mi disse di smetterla di giocare da solo... Io non capivo... Perché lei non lo vedeva?!

Mi sgridò e mi disse di smetterla di dire che Jake era mio amico, e da quel giorno Jake veniva sempre di meno a casa mia.

Dopo tre giorni venne di nuovo, di notte, mentre dormivo, e mi sussurrò all'orecchio: "Non preoccuparti, da domani staremo sempre insieme, per sempre". Mi addormentai felice, io volevo bene a Jake.

Il mattino seguente non fu mia madre a svegliarmi, ma bensì mia zia. Domandai dove fossero mamma e papà, e lei mi rispose che erano partiti per un viaggio di lavoro... Strano... Perché non mi hanno salutato?!

Quella mattina a casa mia c'erano anche i poliziotti, zia disse che per un po' sarei dovuto andare a vivere con lei e lo zio, ero felice perché mia zia era sempre buona con me, non vedevo l'ora di dirlo a Jake!

Jake arrivò per aiutarmi a fare le valigie, e per la prima volta, da quando lo conoscevo, mi parlò per un bel po', non le solite frasi corte: "Dai sbrighiamoci ad andare Dean! Non vedo l'ora di vedere la nostra nuova casa, stavolta potremo giocare senza che nessuno ci disturbi, e se qualcuno ce lo impedirà, farò come ho sempre fatto!" 

Mi sorrise, era felice, io ero felice... Ma una cosa non capivo... Anzi la sua frase...

"Farò come ho sempre fatto...".
Screenshot 2014-05-25-18-38-52-1

Crazy Doll






Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.