FANDOM


Una delle mie paure piú grandi é sempre stata quella di essere posseduto o non avere piú il controllo sul mio corpo.

Non avevo mai pensato che questa paura potesse avverarsi dall'interno della mia stessa mente.

Non era successo niente per cui dovesse manifestars. Eppure era lì. Mi aveva preso.

L'altro me stesso.

In fondo sapevo che esistesse. Ognuno di noi lo sa. É la parte della vostra mente che si nasconde, che non si vuole far vedere, ma che quando si mostra, cerca attenzioni.

Come un bambino.

E come un bambino non si rende conto che potrebbe far del male nella sua ricerca di attenzioni.

E tu stai lì, imprigionato nella tua stessa mente, a vedere le atrocità che compie nella sua ricerca.

Non ci puoi fare niente e, in fondo, non vuoi fare niente.

Perché lui é una parte di te. Ha i tuoi stessi desideri e le tue stesse impressioni.

E magari alla fine potresti decidere di non ribellarti a lui e di stare nella tua gabbia, perché sai che non puoi farci niente...




Ma ricordati che un giorno lui si potrebbe stancare di tenerti prigioniero...


Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.