FANDOM


Le creepypasta sono dei racconti scritti per la maggior parte da utenti col gusto del brivido, che vogliono fingersi scrittori per un giorno e mostrare agli altri le proprie storie. Creepypasta viene da copypasta, che a sua volta è l'abbreviazione di "copy and paste", copia e incolla, simbolo della diffusione nella rete di queste storie, appunto copiandole e incollandole su siti, blog e altro. Col tempo, "copy" venne sostituito con "creepy", visto il tema di queste storie: morti spaventose, apparizioni di mostri, visioni da brividi, insomma, storie terrificanti.


Ora, come già detto, la maggior parte di queste storie sono scritte da semplici utenti.


La maggior parte.


Infatti, si dice che, fra le migliaia di creepypasta in circolazione, ce ne sia una di tutt'altra provenienza. Alcune fonti dicono che uno scrittore, in preda alla disperazione visti i suoi continui fallimenti, abbia venduto la sua anima per creare la storia più spaventosa che ci fosse, altre dicono che sia stato addirittura il diavolo a scriverla.


Cosa ci sia di vero in queste leggende non ci è dato di saperlo, fatto sta che le misteriose sparizioni e suicidi in seguito alla lettura di creepypasta siano un fenomeno tutt'altro che inventato. Per anni gli utenti si sono chiesti quale fosse la "creepypasta infernale", alimentando ancora di più la fama di queste narrazioni brevi, ma tramite ricerche approfondite siamo riusciti a trovarla.


Essa narra di un lettore di creepypasta, un lettore come voi, che cercava storie sempre più spaventose per colmare la sua curiosità.


Ne aveva lette centinaia, stava giorno e notte sul web spulciando fra vari siti in cerca del suo obiettivo.


Nella suddetta creepypasta non viene specificato come, dove o dopo quanto trova quella storia, ma viene scritto che incominciò a leggerla, tutto preso da questa appassionante e coinvolgente lettura, ma la storia non accennava a terminare, così rimase minuti, ore, forse giorni interi a leggerla, finché non capì.


La storia più spaventosa può essere solo quella che viviamo sulla nostra pelle.


Ma lo capì troppo tardi, quando ormai era stato inghiottito dal vortice di terrore e morte che la creepypasta aveva aperto.


Ora mi rivolgo a te, lettore, che in cerca della storia più spaventosa hai spulciato in questo sito e ti sei fiondato in un topic di nome "la creepypasta infernale".


Avrei voluto avvisarti, ma stava a te capire il pericolo che stavi correndo, stava a te chiudere immediatamente questo topic.


Ora vorrai assolutamente chiuderlo, pentendoti di aver letto fino in fondo, ma ormai non serve più.

Sei condannato.

Ormai è troppo tardi.

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.