Creepypasta Italia Wiki
Advertisement
Creepypasta Italia Wiki

Succede a chiunque, in qualunque luogo, senza alcun preavviso che faccia sperare di poter cambiare le cose. Non è reversibile.

Potrebbe capitare a un tuo familiare, a un tuo amico, o al tuo adorato animaletto domestico, se ne hai uno.

Per le vittime è particolarmente doloroso.

All’inizio sono sempre lì. Rimangono (per così dire) in questo mondo, anche se la loro essenza è ormai svanita, e della loro esistenza permane solo una vaga confusione, vuota di significato.

Potresti vederli ancora mentre ti osservano. Hanno spesso gli occhi incavati, e la loro apparizione, quelle rarissime volte che avviene, può comportare un senso di smarrimento. Ma durerà solo un attimo, così che tu possa tornare alla tua vita di sempre, senza il rimorso di aver perso qualcuno.

Questo mentre loro svaniscono ulteriormente, immersi nella nostalgia. Finché smetteranno di comparire.

C’è chi li chiama fantasmi, ma trovo che sia un nome poco appropriato. Sono presenze di mondi inghiottiti dall’oblio, che però ci sono ancora, e sospirano sperando di poter tornare tra noi. Consci del fatto che non sarà possibile, che tutti si sono dimenticati di loro; e perfettamente al corrente del fatto che spariranno sempre di più. Fino a non esistere del tutto.

Sì, ovviamente può accadere anche a te. All’inizio non noterai niente – è così. Ma poi, piano piano, ti accorgerai che la tua voce è sempre più sola, quando nel cuore della notte ti svegli dall’ennesimo incubo. Ti sembrerà di star perdendo i legami con chi hai intorno. Quando sarà troppo tardi, percepirai chiaramente la fine avvicinarsi. Finché, preso da tremiti e con la voce roca, non comincerai a chiamare il tuo amico, tua madre, o l’amore della tua vita – chiunque – nel disperato tentativo di farti sentire.

Ma loro non ti vedranno. Non ti sentiranno.

Anche se capissi in tempo cosa sta accadendo, non ci sarebbe niente che tu possa fare.

Le tue vecchie foto saranno sparite dagli scaffali. Sarà come se non fossi mai esistito.

Nessuno si ricorderà di te: né i tuoi familiari, né i tuoi vecchi compagni di scuola, né coloro a cui volevi più bene in assoluto.

Ti resterà soltanto qualche apparizione incompresa e confusa che loro non capiranno. La userai per chiedere scusa e dire addio, e lasciare in punta di piedi questo mondo; ma devi sapere che loro non ricorderanno in nessun modo.

Ed è così che forse, prima di sparire per sempre, dal tuo viso cadrà un’ultima lacrima. Un suono impercettibile e distante, per te denso di significato, ma ormai indifferente e privo di contenuto per chi ti ha amato. Perfettamente inutile per ristabilire un legame.

Prima di attraversare il confine e smettere definitivamente di esistere, ti chiederai il perché.

Un urlo strozzato e crudele, senza risposta, come tutte le domande che la vita porta.

Questo in quanto un “perché” non esiste.

Se avrai camminato nei sogni di chi ti conosceva, con un peso insostenibile sulle spalle, sorridendo alla sventura e trovando per un attimo conforto nel volto di una persona amata che dorme, non conterà.

Sarai solo stato, per l’ennesima volta, l’ombra del mostro sotto il letto, la paura infantile del bambino che si nasconde nell’armadio, lo spettro che si aggira nella cantina di qualcuno che non ti conosce.

Ti chiameranno spesso fantasma, se avrai per una sola volta l’immensa fortuna di riuscire a farti vedere per un attimo. Avranno paura di te, pur avendoti conosciuto per una vita. Non sapranno chi sei. E mentre un giorno il tuo sorriso amaro ti affogherà la faccia; mentre rannicchiato nel buio della morte osservi le persone con cui per una vita hai parlato, litigato, riso, quelli con cui condividevi ogni sventura e ogni gioia; solo allora capirai, in un barlume di emozione, che il tuo amore per loro, pur non essendo più corrisposto, è molto più forte di quanto pensassi.

Forse comincerai addirittura a seguire chi ami al lavoro o a scuola. Magari ti incanterai a guardare il viso dell’amico d’infanzia mentre dorme. Sentirai i loro respiri mentre dormono, vegliando sulle loro vite. Un amico dimenticato e mai esistito, ormai invisibile.

Finché non volerai via, nei meandri caotici di ciò che non solo non esiste, ma non è mai esistito veramente. Quando non ci sarai più loro continueranno con calma frenetica le loro vite.

Inconsci del fatto che hanno avuto un’amicizia così forte, eppure così vana.



Sky - Cielo



Narrazioni[]

Metafore-copertina 400x300

Narrazione di La Voce Dell'Alchimista

Metafore_-_Creepypasta_ITA

Metafore - Creepypasta ITA

Narrazione di DarkTales



Scritta da Dr. Woland

Il contenuto è disponibile sotto licenza CC BY-NC

Advertisement