Creepypasta Italia Wiki
Advertisement
Creepypasta Italia Wiki

Più di qualche anno fa lavoravo come ballerina burlesque in un club per gentiluomini, nel quale una sera, mentre stavo seduta in fondo al bar, una coppia fece il suo ingresso... nulla di eclatante. Non ebbi alcuna interazione con loro, e non diedi peso alla loro presenza - almeno fino a quel momento.

Qualche giorno dopo, l'usciere mi consegnò un pezzo di carta con su scritti due nomi e due numeri di telefono associati, "Laura" e "Richard". Ipotizzai che dovessi chiamare uno di loro, così contattai Laura, la quale mi disse che erano la coppia venuta al bar l'altra sera e che mi avevano preso in considerazione per una parte in un film a cui Richard stava lavorando. Se ero disponibile per un incontro? Certo che lo ero, chi non lo sarebbe stato? Mi era stato quindi detto che Richard mi sarebbe venuto a prendere alle 7 l'indomani sera, e di mettermi "qualcosa di interessante addosso".

Si fecero quindi le 7 del pomeriggio del giorno dopo, già pronta ad uscire con addosso un pizzo bianco decorato con delle piume di struzzo, quando Richard apparve fuori casa mia; scesi quindi giù e mi presentai, per poi salire nella sua macchina. Per il luogo dell'incontro, eravamo entrambi d'accordo nell'andare in un bar locale che conoscevo molto bene, ma prima dovemmo fare una tappa a casa sua per prendere dei contratti che aveva dimenticato. Quindi andò, per poi tornare con dei raccoglitori e una bottiglia di birra aperta, appartenente a un brand che non compravo (inoltre, bere in auto è vietato dalla legge), quindi infilai la bottiglia nel davanzale della finestra della sua jeep e successivamente raggiungemmo il bar.

Una volta lì, mi mostrò quello che doveva essere il copione del suo film, assieme ad alcuni contratti; non sembrava esserci nulla di sospettoso, Richard era anche molto gentile, così mi mostrai interessata. Quel giorno mi ero organizzata con quello che sarebbe diventato il mio fidanzato, quindi, con il permesso di Richard, mi alzai per telefonargli, portando con me la Corona che avevo ordinato, in un telefono pubblico. Da quando sono una ballerina, mi è stato insegnato dalle colleghe più grandi di non togliere MAI gli occhi dalla tua bevanda. Il mio ragazzo voleva andare in un altro posto, così, non appena tornai al tavolo, dissi a Richard che dovevo scappare.

Lui non prese bene la cosa, e cercò di persuadermi per farmi restare con lui, dicendo che avrei potuto incontrare Mickey Rourke e fare un giro nel set, ma in quel momento volevo solo incontrarmi col mio ragazzo, quindi rifiutai, presi il suo contratto e me ne andai.

Da quel momento non ebbi più notizie di Richard, ma un paio di mesi dopo la polizia irruppe nel bar in cui lavoravo - gli agenti avevano 2 grossi libri contenenti diverse foto identificative e una catasta di istantanee Polaroid, e intendevano interrogare tutti i presenti riguardo a una coppia di adescatori, rei di organizzare incontri con delle ballerine dicendo di lavorare nel mondo del cinema, per poi rapirle e stuprarle. Mi fecero vedere i libri con le foto, chiedendomi se riconoscevo qualche volto. Indicai ai poliziotti quelli di Richard e Laura. Poi mi fecero dare un'occhiata alle Polaroid, le quali non erano altro che istantanee usate come "trofeo" dalla coppia, che mostravano loro intenti a malmenare le povere vittime, per poi chiedermi se conoscevo una di queste, in modo tale da poterci parlare. Ne avevo riconosciute soltanto un paio, ma in ogni caso le vittime erano DAVVERO tante.

Richard e Laura furono processati. Lui andò in galera, mentre lei rimase a piede libero, perché quest'ultima, oltre ad essere di famiglia ricca, mandò diversi testimoni contro di lui. 12 anni dopo la condanna di Richard, apparve sul giornale la possibilità di rilasciarlo con la condizionale, così scrissi una lettera alla commissione per la libertà vigilata, raccontando la mia esperienza con Richard e chiedendo di NON farlo uscire, in quanto si tratta di un soggetto pericoloso che dovrebbe restare in carcere fino alla fine della sua sentenza.

Se avessi bevuto quella birra aperta che mi aveva offerto durante il tragitto, di sicuro non ne sarei uscita intera da quell'incontro, e mi sarei ritrovata assieme a tutte le altre vittime nella serie di "trofei". Ragazze E ragazzi, tenete SEMPRE d'occhio il vostro drink! Divertitevi lì fuori ma state sempre e comunque attenti.

Advertisement