FANDOM


Mi hanno messo in punizione.

E stavolta per davvero.



Da sempre sono stata sonnambula, ed ho spesso combinato guai ai miei genitori.

Mi hanno fatto vedere pure da un dottore, ma l'unica cosa che ha potuto consigliarci fu:

"Non svegliatela mai! Qualunque cosa stia facendo! Lo shock potrebbe segnarla per tutta la vita"



Agli inizi, mi capitava molto raramente...

Mia madre mi raccontava quasi ridendo delle passeggiate che mi facevo di notte, lungo la via davanti casa, spaventando gli ignari passanti che ancora vagabondavano in quelle ore...

A quanto pare, i miei genitori mi seguivano da dietro, stando attenti che non mi facessi male, ma cercando in ogni maniera di non svegliarmi.



Le cose, però, peggiorarono drasticamente quando nacque il mio fratellino, appena un anno fa.

Gli episodi di sonnambulismo aumentarono esponenzialmente, sino quasi a ripetersi ogni notte.

Inoltre non mi limitavo più a camminare: Più volte mi misi a ballare, battere le mani, sino ad arrivare perfino a cantare.. sembrava che cercassi di attirare l'attenzione su di me...

I miei genitori non mi svegliarono mai, anche se il rumore faceva piangere il bambino, e loro iniziavano ad essere stanchi di vigilare su di me e di badare al contempo a mio fratellino.

La cosa più strana era che ogni notte mi fermavo per vari minuti davanti la loro camera, dove si trovava anche la culla di mio fratello... Per poi voltarmi e tornarmene a letto.




Due giorni fa, però, neanche i miei genitori riuscirono ad impedire l'inevitabile.

Quella volta, non mi svegliai come al solito nel mio letto, ma in quello del pronto soccorso, con addosso varie contusioni e ferite, alcune anche profonde.

Mi dissero che nella notte, poco dopo essermi addormentata, mi sono diretta davanti la porta della stanza dei miei genitori, urlando a squarciagola per mezz'ora di fila. Quindi, dopo aver smesso, sono scesa al piano di sotto, fiondandomi letteralmente sul mobile della cristalleria di casa, mandando tutto in frantumi.

Ma anch'io avevo un ricordo di quella notte: avevo sognato.. sognai semplicemente di essermi buttata contro un materasso morbido...




Adesso invece devo averla combinata davvero grossa...

Cos'ho sognato questa volta?

Mi viene l'acquolina solo a ricordarlo..

Un pollo arrosto..

Grosso e succulento..

e io che lo cercavo di mangiare..









Dopo il terzo morso, però, smise finalmente di lamentarsi

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.