Creepypasta Italia Wiki
Advertisement
Creepypasta Italia Wiki

Salve il mio nome è Matthew Clark sono nato in un villaggio nel cuore della "Forseta Nera" in Germania.

Qui l'atmosfera è così calma e pacifica,si riesce addirittura a sentire il suono del vento che scorre tra le braccia degli alberi, un vero e proprio paradiso direi.

Ma non è sempre stato così.

Dovete sapere che il mio villaggio esiste dal quindicesimo secolo dopo cristo, ed è stato teatro di numerose tragedie, come ad esempio, della caccia alle streghe.

Chiunque veniva anche solo sospettato di praticare magia nera o di aver preso rapporti con il demonio, veniva giustiziato.

Ed è da qui che è nata una leggenda del mio villaggio: Oliver il cosiddetto "figlio del diavolo".

Ricordo che da bambino, ogni volta che facevo i capricci, mia madre mi diceva che se non avessi smesso immediatamente, Il rumore dei miei pianti isterici avrebbe attirato Oliver, una specie di alternativa al mostro del letto, se così lo vogliamo definire.

Ci tengo a precisare che questa è solo una leggenda, nulla di ciò che dirò è sicuro sia realmente accaduto,detto questo ora partirò a raccontarvi la storia di Oliver:

Oliver Allison è nato in questo villaggio nel 1492 ed era figlio di suo padre, un cacciatore chiamato Adam Allison e di sua madre Marie Creiss.

Oliver soffriva di schizofrenia, ed era isolato insieme alla sua famiglia, in una casa distante da quelle degli altri abitanti.

La ragione di ciò è una soltanto:

Oliver a causa della sua schizofrenia e del suo comportamento violento, era sospettato di essere posseduto da un entità maligna; il prete stesso del villaggio, che era un ottimo amico di Adam, comunicò alla famiglia che per la sicurezza di Oliver, la famiglia doveva mantenere sconosciuta l'esistenza di Oliver al villaggio e trasferiesi lontano dalle altre famiglie.

Oliver e la sua famiglia vissero per otto anni nella casa immersa nel verde isolato, il padre andava a caccia portando Oliver con se mentre la madre rimaneva a badare alla casa, ma la schizofrenia di Oliver non tendeva certo a migliorare.

Ultimamente aveva iniziato a portare a casa le carcasse delle lepri che uccideva, come se per lui fossero una specie di trofeo, sembrava che la sensazione di uccidere lo eccitasse.

Oliver voleva tanto uscire a giocare con i bambini della sua età, ma ogni volta i suoi genitori non gli davano il loro consenso e lo trattenevano a casa.

Penso che sia proprio per questo suo desiderio che ebbe fine la sua vita pacifica.

Un giorno il padre e la madre di Oliver dovettero andare al villaggio per prendere l'acqua dal pozzo, lasciando Oliver da solo in casa e proibendo a lui di uscire.

Fù allora che una ragazza bellissima sostò nel campo fiorito davanti casa sua per raccogliere dei fiori, Oliver rimase così colpito dai suoi capelli biondi e dai suoi occhi azzurri, che finì per innamorarsene.

Così ogni giorno alla stessa ora, Oliver si metteva seduto davanti alla finestra osservando la fanciulla.

Un giorno però, dopo che la ragazza aveva finito di raccogliere i fiori e si stava incamminando per il villaggio, Oliver decise di infrangere le regole del padre e seguire la ragazza. Decise di portare dietro con se un regalo per la fanciulla,così prese la carcassa del coniglio più bello e si sbrigò a seguirla.

Arrivato al villaggio, Oliver intravise la fanciulla a chiacchera con un gruppo di sue amiche, e decise di andare da lei a parlarle. Una volta davanti alla fanciulla, Oliver tirò fuori dalla sacca il cadavere del defunto coniglio e sorridendo disse alla fanciulla di averla vista ogni giorno e che provava qualcosa per lei.

La Fanciulla reagì con un Urlo a causa del coniglio, generando una confusione alla quale Oliver rimase confuso.

I passanti iniziarono a urlare e a chiamare Oliver "figlio del diavolo"e urlando che avrebbe dovuto bruciare tra le ardenti fiamme dell'inferno.

I genitori di Oliver vennero a sapere dell'accaduto tramite il prete del villaggio che comunicò alla famiglia Allison che ormai Oliver era visto per quello che era e che se non avessero voluto vedere loro figlio bruciare sul rogo, avrebbero dovuto ucciderlo loro stessi.

Così una mattina, durante la battuta di caccia, Oliver fù portato ai piedi di una vecchia quercia e fù ucciso da suo padre.

La madre scossa dalla morte del figlio, si impiccò 3 giorni dopo, lasciando il padre Adam Allison da solo.

Passarono mesi dalla morte di Oliver, quando improvvisamente accadde una tragedia.

Un giorno, la giovane fanciulla che raccoglieva i fiori davanti casa di Oliver non fece ritorno al villaggio e tutti se ne preoccuparono.

Temendo potesse essere stata attaccata da una bestia feroce, il villaggio partì immediatamente alla ricerca della giovane fanciulla.

La foresta fitta e il buio della notte rendevano le ricerche sempre più difficili, ma ci fù qualcosa che intimorì il villaggio:

Nel bosco trovarono appese numerose bambole fatte di paglia e ramoscelli, che proseguivano formando una pista e alla fine di quella pista, fù trovato il cadavere della giovane fanciulla con addoso un vestito bianco e candido da sposa.

Mentre in mezzo agli alberi si poteva intravedere ciò che sembrava essere Oliver, i suoi occhi erano rossi come il fuoco, la pelle era diventata pallida e il suo sorriso rappresentava la pazzia e il demonio.

Oliver ormai non era più il ragazzino dal carattere dolce, non sembrava proprio umano.

Tutto di un tratto la forma del piccolo Oliver cambiò, il suo faccino così dolce sparì, la forma del suo corpo era alta e snella per lo più pelle e ossa mentre le mani che prima erano quelle di un bambino si tramutarono in quelle di un mostro.

Oliver iniziò ad attaccare gli abitanti e ne fece fuori uno a uno, il suono dei suoi artigli che laceravano la carne riempì la silenziosa notte.

In quella notte solo in pochi tornano a casa, si dice che molti infatti furono uccisi da Oliver, mentre i superstiti non riuscivano più a uscire più dalle loro abitazioni per la troppa paura.

Ormai nacque anche il fatto che se entro la mezzanotte qualcuno si trovava fuori casa, Oliver lo avrebbe preso, portandolo nella foresta dove c'era una delle entrate per l'inferno.

Tutt'oggi Oliver potrebbe ancora aggirarsi tra gli alberi che si gode la sua libertà mentre aspetta che la sua preda si perda all'interno della forseta per ucciderla.

Ancora non so se questa sia una leggenda o meno, ma fossi in voi starei attento a non stare fuori casa fino a tardi, perché voi potreste essere le prossime vittime di Oliver.

Advertisement