FANDOM


Photo horror

Mentre persistono voci di oggetti più forti, Possessori impossibili o persino di uomini e donne pazzi che cacciano i loro compagni Cercatori per rubare ciò che è stato legittimamente guadagnato, di tanto in tanto sentiamo parlare di Cercatori che sono al di là della tua persona media.

Questi Cercatori sono diversi dagli altri e hanno uno zelo per quello che fanno, non visto dal Cercatore perduto.

Ma un avvertimento per coloro che seguiranno gli esempi di questi uomini e donne: non possiamo verificare la validità di questi racconti e non c'è modo di scoprire con certezza se gli eventi raccontati siano mai realmente accaduti. Viviamo in un mondo di segreti e bugie dopo tutto.

Quindi vai avanti e approfondisci il nostro mondo. Chissà. Potrebbe piacerti qui.

La lettera Modifica

Questo documento è stato pubblicato tra le pagine cinquantaquattro e cinquantacinque di tutte le copie conosciute di "Una farfalla di carta" del dott. Wilheim Totenberg del 24 marzo 1846. La vanità delle informazioni contenute in questo documento è ancora in discussione.

La tesi è corretta, il mondo può essere spezzato facilmente e rapidamente come una farfalla di carta. Questo è ciò che devi fare per fermarlo.

Devi avere tutti i 2537 oggetti in tuo possesso.

Se questo accade, ti offriamo le nostre congratulazioni. Quelli che sono arrivati ​​così lontano sono pochi e molto lontani, anzi.

Successivamente è necessario richiamare l'oggetto finale.

Innanzitutto, devi esporre tutti i tuoi oggetti fino alla fine. Riuniscili tutti in una grande stanza e produci il primo oggetto. Questo farà sì che tutti gli Oggetti emettano una barriera protettiva in risposta; nulla può avvicinarsi troppo a nessuno di loro ora.

Successivamente, è necessario posizionare l'oggetto finale in un luogo sicuro in cui nessuno può rubarlo. Questo è imperativo. L'oggetto finale non ha un meccanismo di protezione incorporata simile agli altri.

Quando toglierai le mani dall'oggetto finale, sentirai un forte dolore lancinante al petto. Se scegli di scrutarlo sotto una radiografia, la lettura mostrerà che ora hai un diamante collegato alla colonna vertebrale. Ciò è causato dalla reazione degli altri Oggetti incorporati nel tuo corpo all'esposizione verso l'Estremità. Stai attento; se qualcuno riesce a rubarlo, le difese che hai ora funzioneranno così bene solo se vengono usate su di te, ma se vengono usate continuamente, morirai.

Se sei disposto a correre questo rischio, quindi se segui correttamente queste istruzioni, diventerai l'essere che cerchiamo; il detentore della legione. È tuo compito trattenere l'oggetto finale.

Il cacciatore Modifica

Se hai cercato questi oggetti, è probabile che tu abbia sentito parlare di Jack, ma probabilmente non hai mai sentito parlare di Slayer.

Dicono che il suo sorriso sia fatto di tutto ciò che è buono in questo mondo, supplica di dissentire. È tanto inafferrabile quanto potente, tuttavia potresti non accorgertene quando lo vedi. Ha un sorriso che è perfettamente piacevole e una voce come quella di un angelo, ma c'è qualcosa di snervante in quegli occhiali ...

Si chiama The Hunter , cerca ma non è un Cercatore, tiene ma non è un Possessore ....

Parte 1 Modifica

Tutto è iniziato con un uomo ... no, quando era un ragazzo, un ragazzo che aveva uno sguardo acuto nei suoi occhi, non mi piaceva.

Lo seguii all'infinito, osservandolo mentre si tuffava in edifici che non avevo mai visto prima, mentre tornava coperto di sangue che non era rosso. Con orrore, ho visto il suo sorriso diventare troppo ampio per farmi sentire a mio agio, che i suoi occhi erano diventati morti e grigi, i suoi movimenti erano vagamente disturbanti per i miei occhi.

Non ho mai saputo del suo nome in quel momento, ma ho presto scoperto cosa stava facendo, cosa lo stava facendo cambiare così stranamente.

Ho sentito, da un mio amico, prima che diventasse ciò che faceva, che esistevano un certo numero di Oggetti che erano nascosti all'uomo, ognuno con una proprietà o un concetto attribuito ad esso.

Gli oggetti e i Possessori di cui parlava il mio amico mi hanno provocato nei miei sogni, rovinando il mio sonno un tempo pacifico fino a quando non potevo più prenderlo e mi sono ritrovato in un posto che curava i malati di mente.

"Voglio vedere il Possessore del piacere"

Le parole mi sfuggirono dalla bocca senza l'approvazione del mio cervello. L'uomo annuì lentamente, mentre apriva la porta in un posto che avrebbe potuto competere con i miei incubi.

All' interno non c'era nulla, ma l'oscurità e ciò che poteva insinuarsi in essa... Questa paura è tutto ciò che mi avrebbe tenuto in vita in questo posto.

Nelle mie stesse ossa ho sentito il pericolo nell'oscurità, con passi abili sono riuscito a camminare intorno alle pietre che cadevano per rivelare una fossa infuocata di inferno, ho continuato con la mia paura. Ti risparmierò i raccapriccianti dettagli del mio viaggio e passerò ora al momento in cui ho affrontato il mio primo Possessore , il Possessore del Piacere.

Questo Possessore mi è sembrato una bellissima donna della mia razza con gli stessi tratti recessivi di me. La donna possedeva la pelle del colore del sale, i capelli il colore del prezioso metallo giallo estratto dalle montagne e i suoi occhi erano la più strana tonalità di grigio che avessi mai visto.

Cantava così meravigliosamente che non potevo fare altro che sedermi per terra e ascoltarla con soggezione. Ho sbagliato a farlo.

Le pietre sotto di me iniziarono lentamente a sgretolarsi, ma mi concentrai ancora su nient'altro che sul bel canto della donna. Per qualche miracolo, forse Shamash mi ha favorito quel giorno, sono rimasto nella zona con la donna che cantava molto tempo dopo che tutte le pietre erano cadute via.

A quel punto, avevo iniziato a cantare insieme a lei, avevo memorizzato la sua canzone anche se io non conosceva la lingua in cui cantava.

Ad un certo punto la donna, e tutto ciò che si agitava attorno a lei nell'oscurità, mi notò. Non potevo fare altro che continuare a cantare.

La donna mi guardò negli occhi e mi mostrò i più grandi inganni causati dalle persone più piacevoli e mi mostrò la sua lingua, che sarebbe stata bruciata per sempre nelle mie corde vocali.

Le cose contorte parlavano vicino alle mie orecchie, potevo capirle e comprenderne il discorso. Mi dicevano cose; di come non ero il prescelto, ero semplicemente un ragazzo fortunato nato in una buona giornata. La donna si accovacciò vicino a me e mi accarezzò il viso. Il suo corpo cominciò a marcire mentre pronunciava le sue ultime parole.

"Non hai bisogno di questo oggetto, cercatore. La tua voce è già blasfema come la mia"

Non riuscivo a pensare a nient'altro da fare che sorriderle piacevolmente mentre pensavo a quanto la odiavo per avermi mostrato le orribili maledizioni che cantavo. Non avrei mai saputo la differenza.

Lasciai l'edificio senza graffi. Il loro linguaggio mi sfregiava in gola, aspettando che potesse essere usato. Conoscevo la malizia che non avevo mai conosciuto prima.

Mentre camminavo verso casa mia, lo vidi dirigersi verso l'edificio che avevo appena lasciato, il ragazzo grigio con il sorriso troppo largo e gli occhi vuoti. Gli sorrisi. Non avrebbe mai saputo cosa lo avesse colpito.

Il mio sorriso è la prima fonte della mia risoluzione. Mentirò a tutti senza mai averne intenzione.

Parte 2 Modifica

Riesco a sentire i suoi passi, ora. Posso sentire le urla dei bambini mentre li fa a pezzi e libera i mostri dalle loro gabbie ... viene per me, Cercatore, viene.

Arriva, ma non sa che qui non c'è niente da cercare: è già stato rubato da me con gli occhi distanti e il sorriso crudele.

Fu un errore da parte di un Possessore che lo portò a diventare così, quelle trappole che lasciano Cercatori bloccati con demoni in un'altra dimensione fallirono in questo caso. Ha IMPARATO , ha imparato a combatterli, ha imparato a forzarli, ha imparato che potevano andarsene e così poteva anche se li avesse infranti alla sua volontà.

So cosa cerca. Cerca i miei occhi, gioielli arancioni che possono schiacciare tutto ciò che il Possessore può comprendere, ma sono stati rubati molto tempo fa.

Oh, come riderò quando raggiungerà il mio trono formato dalle ossa del suo genere, come riderò mentre mi versa il sangue dalla rabbia! La legione mi ha rubato gli occhi e non puoi mai averli, Cercatore!

Lo vedo ... perché sorride ... PERCHÉ SORRIDI !? La sua bocca si apre ... quelle parole ... sono così orribili ... Perché sono ancora vivo anche dopo che mi ha strappato la pelle, perché vedo il mio corpo !? Tiene uno specchio ... Vedo ... Vedo ora.

"Volevo che vedessi cosa ne sarà di te, Possessore della forza."

La sua voce ... calma la mia rabbia, non credo di poter resistere ancora a lungo. Mi strappa la pelle, non la sento, mi sento troppo calmo. Sento le catene d'acciaio fredde con cui mi lega prima di rompere il mio trono e crearne uno suo, prima che si sieda e mi legga quel dannato libro.

C'è stato un tempo in cui un Cercatore è venuto a chiedermi: "Che cosa può farli agire?", e io diedi loro una lunga risposta che solo il potere che rivaleggia con il proprio potrebbe farlo.

Questo Cercatore non è venuto a chiederlo, è venuto a dirlo. No, no, non è un Cercatore ... cerca ma non è un Cercatore, tiene ma non è un Possessore ... Credo che potrebbe essere l'opposto dell'uomo con un sorriso troppo ampio ...

Perché sento solo speranza quando parla? Perché la malizia sta lentamente scivolando dalla mia mente mentre lentamente mi marcio e lui diventa il nuovo Possessore della forza. Ha già l'oggetto ... sa come usarlo per scappare. Mi dice che un Cercatore arriverà tra 2000 anni e prenderà il suo posto, non posso dubitare di lui.

Ero il Possessore della Forza, le Gemme della Forza erano l' oggetto 786 di 2.538, ora sono semplicemente degli occhiali per un uomo che può combattere senza di loro. C'è stato un tempo in cui un mortale non poteva far nulla con loro, ora c'è uno che può uccidere il migliore dell'inferno con loro.

Lascio questo messaggio, sperando che qualcuno mi possa liberare mentre mi rimane ancora un po' di rabbia ... ha un punto debole, devi trovare il suo vero nome, è scritto nel libro del suo Oggetto. Mi sta guardando ora ... deve sapere cosa...


Attento, Cercatore, perché non puoi vedere l'inganno dietro il suo sorriso finché non è troppo tardi.

Parte 3 Modifica

Se hai mai cercato uno di questi oggetti, sono sicuro che hai sentito parlare di Jack Empty.

Sai, Jack, il ragazzo che è tenuto in vita da accordi troppo profani per dirlo a parole? Sorrisi un po' troppo ampi?

Ogni movimento che fa è una fottuta bandiera rossa che ti dice di sfuggire all'inferno. Bene, Cercatore, lascia che ti parli di un uomo di cui non sai nulla. Diavolo, non so molto di lui, a parte il fatto che mi ha salvato la vita solo guardandomi.

Ti parlerò di lui, l'uomo che cerca ma non è un Cercatore, tiene ma non è un Possessore. il suo sorriso è perfetto e racchiude tutto il bene in questo mondo, è lui che piange quando muore un Cercatore o nasce un nuovo Possessore.Si chiama The Hunter.

Se hai incontrato Jack e sei sopravvissuto, potrebbe averti detto di un uomo di nome Slayer. Questo è quell'uomo, questo è quello che si chiama "assassino dei Possessori". Immagino che non abbia molto senso in questo momento; inizierò dall'inizio.


Molto tempo fa, in un posto di cui non ricordo più il nome, stavo cercando e obiettando. Ho chiesto di vedere il Possessore , ma mi è stato semplicemente detto questo: "È inutile, quindi inutile, è già stato qui ...".

Confuso, ho insistito per vedere il Possessore, ma l'operatore si è rifiutato di guidarmi; invece, mi hanno dato una chiave macchiata di sangue e mi ha indicato una sala. Ho preso la chiave e ho scoperto che si inseriva in una porta macchiata di sangue che sembrava essere stata percossa dall'altra parte, come se qualcosa stesse cercando di scappare in preda alla morte. Con un po 'di esitazione, alla fine ho voluto aprirmi la porta ed entrai.

Hai già cercato queste cose: conosci le prove, conosci gli orrori. Immagina la mia sorpresa quando ho visto pareti coperte di sangue disseminate, non di umani, ma con orrori che non oso descriverti.

Mentre camminavo lungo il sentiero su cui mi trovavo, sentii una strana calma, come se la gratitudine emanasse da ogni angolo. Ho camminato ulteriormente, diffidente, ascoltando un suono che avrebbe segnato la mia scomparsa, aspettando che la luce si attenuasse nel nulla, ma non è mai successo, ho raggiunto la fine del tunnel senza essere disturbato, in effetti ... Mi sono sentito .. .calma.

Alla fine della sala ... no, dovrei dire alla fine di quello che era DIVENTATO una sala, poiché i muri e le stanze che si erano susseguiti erano stati decimati da una forza che non oso comprendere, l'ho visto. Seduto su una pila di ossa disumane, i suoi occhi grigi nascosti dietro occhiali tinti di arancione, leggendo un volume antico intitolato in una lingua che non riuscivo a leggere, l'ho visto ... e lui ha visto me.

Il cacciatore alzò gli occhi dal suo libro, gli occhiali gli scivolarono sul naso per rivelare gli occhi più pacifici che avessi mai visto, e mi sorrise.

"Congratulazioni, Cercatore, hai assistito a quello che potrebbe essere"

Naturalmente, ero titubante nel dirgli qualsiasi cosa in quel momento, temendo che fosse il Possessore, prima che notassi l'essere incatenato ai suoi piedi, la sua pelle strappata e gli occhi strappati. Mi ha visto guardare la creatura, eppure sorrideva ancora.

”Ti disturba? Vedere un Possessore soggiogato da un essere umano, cioè"..., mi chiese con la voce più serena che avessi mai sentito.

Ho parlato con lui per quelle che sembravano ore, forse persino giorni, su qualsiasi piccola cosa che mi venisse in mente, il tutto pur essendo completamente a mio agio. Mi disse che aveva effettivamente ucciso il Possessore che avevo cercato, dato che ne aveva avuti molti altri prima da scoprire con che facilità potevano essere sostituiti. Non aveva intenzione di uccidere questo, però, quindi attese su quel mucchio di ossa, avendo preso il suo posto ma ancora in grado di muoversi liberamente.

Mi disse che l'oggetto che un tempo era protetto era stato preso molto prima del mio arrivo, da un uomo che molti erano venuti a chiamare Legione, tuttavia quell'oggetto era perduto e il Possessore rimase. Sorrise alla fine delle mie domande e si alzò in piedi, mi offrì la mano e parlò un'ultima volta.

"Il mio nome è Slayer, The Hunter, sono uno che cerca ma non è un Cercatore, sono uno che tiene ma non lo è un Possessore, ora prenderai il mio posto?"

Lo ricordo ancora chiaramente. Non importa quanti eoni siano passati tra allora e adesso. Dico a tutti i Cercatori che scendono in questa sala, dico sempre loro che The Hunter era qui e li amava, anche se non li ha mai incontrati, mi raccontano storie del mondo esterno, mi raccontano di un uomo con gli occhiali da sole arancione che è sempre leggendo un libro scritto in una lingua che nessuno può leggere, che è tenuto in vita da accordi fatti per amore della razza umana. Cerca ma non è un Cercatore, tiene ma non è un Possessore, ha scelto ma non è il Scelto.

Dimmi, Cercatore, hai incontrato l'uomo con gli occhiali arancioni?

Inno Modifica

"Mentre mi sdraio per dormire,prego il Signore che la mia anima tenga; Se dovessi morire prima di svegliarmi,prego il Signore che la mia anima prenda.Al tuo fianco nella notte e nel giorno,non dovrò mai voltarmi Se dovessero portare la mia unica casa,portami a Kingdom Come." "Perdonami, padre, perché ho peccato"

Padre Andrew si inginocchiò nel confessionale e si aggrappò alle due metà di una croce dorata appesa al collo come per proteggere un neonato.

Scintillarono felici nella penombra e lui sorrise loro. Davanti a lui, la finestra confessionale si aprì. Quanto tempo è passato da quando - un prete di una piccola città - è stato da un onesto confessionale cattolico?

"Che cosa ti porta qui, figlio mio?"

Padre Albert guardò attraverso lo schermo il suo collega sacerdote, e deglutì alle sue parole come un grumo di frutta amara. Non sapeva perché arrivasse a confessare, sapeva solo che doveva dire ciò che aveva in mente.

Accarezzò distrattamente la croce, il suo sorriso che cadeva mentre parole sussurranti gli filtravano dalle orecchie.

"Penso che Dio stia morendo"


Padre Albert attraversò le strade della città, fissando inespressivo le linee che sfrecciavano sotto di lui. I pezzi d'oro della croce gli tintinnavano attorno al collo, i rumori nuotavano nell'aria e lo tessevano una storia.

"Trova gli altri", diceva.

Dio voleva che trovasse gli altri, oppure ... Oppure ... Se non avesse trovato gli altri, non avrebbe potuto salvare Dio.

Moglie e Figlio avevano voluto che si liberasse di esso, ma non sentirono la chiamata di Dio. Cercò i convincerli ad ascoltare le parole che ha sentito, la chiamata del Signore attraverso la sacra croce, ma non hanno sentito. Hanno solo continuato a piangere contro di lui. Le parole non li avrebbero messi in silenzio. Le preghiere non li avrebbero messi in silenzio. Solo la croce li avrebbe zittiti.

Mezz'ora fa, smisero di piangere contro di lui e cessarono per sempre le loro parole blasfeme. Si asciugò distrattamente un po' di sangue ancora rimasto su uno dei pezzi.

Le luci lampeggiarono nel suo specchietto retrovisore, e lasciò che i suoi occhi si spostassero dallo specchio e viceversa. Non era così che doveva andare. Continuò a guidare. Le sirene continuarono a funzionare. Le luci continuavano a lampeggiare. Hanno offuscato la scintillante luce dorata della croce. Si arrabbiò.

Quando si fermò, l'agente di polizia si avvicinò alla sua finestra in modo professionale. Il labbro di padre Andrew si arricciò per il disgusto. Quanto in alto e potente si teneva, ma non era al di sopra di Dio. Non era al di sopra degli uomini di Dio. Che diritto aveva di dirgli che il mondo di Dio era sbagliato? Distolse gli occhi dalla luce guida, come tanti altri. Così tanti peccatori. Solo lui sentì la voce.

"Posso ottenere la licenza e la registrazione?"

Padre Albert gli mise due proiettili nell'occhio destro.

Notò appena il clic della leva del cambio, solo che stava accelerando di nuovo lungo l'autostrada. Attraversò le corsie, schivando il traffico, ma gli sembrò liscio, naturale. Come un salmone che nuota a monte. Ha schivato gli ostacoli per raggiungere il suo obiettivo. La voce di Dio lo chiamò.


Non lo trovarono mai . Percorse una strada rurale e si fermò sulla ghiaia senza uscita. Uscì dalla macchina e alzò lo sguardo verso lo spettacolo davanti a sé. La struttura era alta, molto più alta degli alberi. Le braccia rotanti d'avorio raschiavano il cielo azzurro molto sopra di lui. Tre delle turbine erano in piedi davanti a lui e lui lo fissò meravigliato. Girarono lentamente e silenziosamente, ipnotizzando.

Non potevano trattenerlo dalla sua missione. Moglie, Figlio, Polizia. Non avevano capito la volontà di Dio. Dio stava morendo. Aveva bisogno di aiuto. La voce nella croce stava svanendo. Si strinse più forte. Deve ricambiare la voce. Aiuterebbe il più possibile. Si chinò e lo rannicchiò, sussurrandolo e pregandolo.

"Presto , disse," presto il Regno di Dio sarà di nuovo ricco. Presto la bontà di Dio sarà ovunque"

Alzò gli occhi e il cielo era rosso.

Mormorò, raggiungendo il cielo "Non sanguinare, Signore. Non sanguinare. Non è troppo tardi"

I suoi occhi si spostarono verso il sole nero dietro di lui. Era troppo tardi? Dio gli aveva fatto saltare il cervello? Era finita?

La croce tremò tra le sue mani, come se fosse spaventata. Lo guardò di nuovo e i suoi occhi si spalancarono. Non era morto, aveva paura. I nemici di Dio stavano artigliando alla porta. Gli eserciti di Satana erano arrivati. La turbina eolica strillò dietro di lui e si voltò per vedere che le pale non erano più d'avorio; erano macchiati di nero. Il catrame si aggrappava alle lame e appesantiva le ali che continuavano a cercare di artigliare il cielo. Il mulino a vento ha cercato di raggiungere Dio, ma il Catrame ha costruito e costruito fino a quando non ha rallentato e fermato. La grande macchina cessò quando la sostanza nera intasò la turbina e schiaffeggiò al suolo sottostante.

Le forme si alzarono dal Tar e si volsero verso padre Albert, che fece qualche passo indietro e sollevò la pistola. Non sapeva se avrebbe funzionato contro lo spawn del Diavolo, ma doveva difendere la croce. Sparò tre volte con il suo antico revolver, ma sembrò solo renderlo più folle. Avanzò su di lui e brandì lunghi artigli. Sollevò le traverse e le mise insieme.

"Nel nome del Signore, ti comando di ..." Non riuscì a finire il suo comando a causa di un polmone perforato. La creatura Tar ritirò gli artigli e in un colpo reciso, la catena che legava le traverse. Caddero, così come padre Albert. La croce cadde nella stretta del Tar e padre Albert cadde a terra accanto alla sua macchina. Allungò una mano, ma il Tar si stava già allontanando. Ad altri piace che si nascondesse nelle vicinanze, in attesa. Aspettando che riportassero l'Oggetto. Albert rabbrividì e balbettò mentre prendevano la voce di Dio da lui.

Avevano preso Dio da lui. Dio era morto. Quello, come tante altre cose gli erano state tolte. I suoi amici, la sua famiglia, il suo seguito, la sua libertà, la sua sanità mentale. Era stato tutto preso da lui. Sapeva di aver preso la vita della sua famiglia, a sangue freddo. All'improvviso lo seppe, e per la prima volta che riuscì a ricordare, l'emozione lo inondò. Si sentiva freddo, si sentiva solo. La pistola si riposò in mano, con un solo colpo rimasto. Lo tenne vicino al tempio e, con l'unico proiettile rimasto, si avventurò di nuovo in cerca del suo Signore.

Utile Modifica

Parte 1 Modifica

Mentre la donna timida si allontanava, diedi un'altra occhiata al foglio che mi era stato dato. Avrei iniziato a sentire urla, diceva. Beh, mi aveva detto che sarebbe stato il caso se dovessi raccogliere una di queste cose quando mi ha assunto. Anche lui aveva pagato in anticipo, dicendomi che avrebbe capito se avessi corso con i soldi.

Mentre scendevo la scala scura, ho iniziato a sentire voci angosciate e, grato per l'avvertimento della nota, mi sono rafforzato. Riesco a malapena a immaginare quanto sono andato in profondità prima che le urla si fermassero e ho dovuto mordere la paura di gridare le parole che mi avrebbero salvato nell'abisso nero che mi circondava. Con mia grande fortuna, ripresero i loro affari oscuri e io ancora una volta mi diressi verso un grande male.

La mia paura non proveniva da istinti più bassi, come i terrori primitivi ma naturali che un bambino prova di fronte alla notte. Da uomo adulto, potevo dire che c'erano vere minacce alla mia salute dappertutto, forse non più di un braccio di distanza. L'oscurità che nascondeva i mostri (o peggio, le persone altrimenti normali) non faceva che aumentare l'agonia nella mia mente.

Le urla penetrano ancora nella sala obisiana, ho finalmente notato schegge di luce. Allungando la mano, l'ho forzato ad aprirmi e mi sono trovato in una stanza fuori da un orribile sotterraneo. Il foglio che ho stretto lo descriveva perfettamente, fino alla testa di una bambina sul tavolo. Mentre la pergamena richiedeva, mi avvicinai, fissai quegli occhi infranti e dissi con tutto ciò che potevo raccogliere, "Chi li fermerà dal riunirsi?"

Ti dirò quello che posso, che potresti essere avvisato di non seguire le mie orme. Siate certi, tuttavia, che c'è molto di più nella storia, cose che preferirei soffrire di lobotomia da dimenticare piuttosto che parlare.

L'uomo che impedirà loro di incontrarsi.


L'uomo che li fermerà fu strappato dal seno di sua madre, urlando, da un'apertura innaturale (questa potrebbe essere stata una procedura di taglio cesareo).

Sebbene sua madre vivesse l'agonia del coltello e degli aghi, non guardò mai suo figlio con gli occhi di una madre amorevole, e così anche in gioventù divenne pazzo. A mani nude estrasse il sangue dagli insetti, usando le unghie per rompere la testa e le mascelle, strappando gambe e antenne dalle loro prese. Ha diviso i loro segmenti e li ha posizionati in ragnatele per soffrire per mano di creature crudeli come se stesso.



Crescendo, avanzò. In un'occasione si sedette pazientemente in un giardino sereno per far atterrare un uccello nella sua palma protesa. Quando lo fece, lo schiacciò prontamente e costrinse la bocca ad aprirsi per tener conto dei suoi organi e dell'ultimo pasto. Su un altro ha catturato un topo in una tazza di vetro in modo da potersi mordere la testa (solo dopo averlo messo la museruola con la propria coda).

Un tale sadismo sarebbe sicuramente stato notato se non fosse stato per il suo genio e la sua gentilezza nei confronti di coloro che considerava "degni". Leggeva spesso libri di orrore e di eroismo. Ha scritto, cantato, tenuto conferenze e ha insegnato. Forse fu questa perversa curiosità, o la sua stessa origine, a condurlo sul sentiero del bisturi. Desiderava conoscere l'anatomia e insisteva per essere autodidatta di tutto. In questo modo ha sventrato dieci cani, otto gatti e tre bambine nel corso di altrettanti mesi. Aveva un ordine particolare per ciascuno:

(So abbastanza com'è malato, e non descriverò ulteriormente le sue atrocità. Basti dire che ha prolungato l'agonia delle sue vittime tanto quanto ritenuto necessario, come per vedere quale sensibilità avesse ciascun organo. Si sono verificati molti più orrori. negli anni tra questo e il suo primo tocco su queste cose, e sono questi che esisteranno come incubi per il resto dei miei anni. Ti dirò solo quello che devi sapere, per risparmiarti la mia sofferenza.)

Fu quando si avvicinò alla fine della sua istruzione che sentì per la prima volta sussurri degli Oggetti. Gli fu detto che c'erano duemila nascosti in tutto il mondo, la maggior parte persi nel corso dei secoli, ma molti erano ancora ricercati. In un attimo la sua mente fu decisa e partì immediatamente per il primo di cui sentì delle storie. Il primo Possessore che incontrò fu il Possessore della Cifra.

(Devi scusare la mia narrazione da questo punto in poi; mi sentivo violentemente malato a questo punto e stavo trattenendo a malapena la bile in gola. Potevo a malapena prestare attenzione e ti fornirò le migliori informazioni che posso.

(In seguito rubò o manipolò gli altri per guadagnare di più. Ce ne furono pochi che recuperò da solo, ma ho sentito che uno di loro gli ha permesso di "piegare le regole" in qualche modo. Cosa significa che non posso dire, perché non ho idea di queste "regole", e il mio ospite non ha elaborato. Ha un informatore da qualche parte, uno con un libro che parla di alcuni oggetti e detentori; questo è evidentemente come è stato in grado di ottenere il codice.)

Ha scatenato i cani dell'inferno sul mondo ignaro, sperando di schiacciare i Portatori e prendere i loro Oggetti. Mira anche a distruggere quelli che li metterebbero insieme e lo rimetterebbero in questo mondo. La sua ironia lo rende il mostro perfetto; massacra tutto con un lieve sorriso in nome della protezione del mondo dai mostri. In effetti, potresti dire che gli assomiglia, Kronos cerca di usurpare e castrare Ouranos.

In questo preciso momento, si aspetta che una delle sue bestie folli, ubriaca di orgoglio e arroganza, ritorni dallo sguardo in faccia alla rabbia.

Parte 2 Modifica

Mentre la sua storia volgeva al termine, mi chiese di sollevarla. Accettando il suo desiderio, ho trovato sotto la testa un ago sporco coperto di liquidi da tempo essiccato. Dopo il racconto che avevo ascoltato, mi sono rifiutato di esaminarlo attentamente. Mentre andavo via, non sentii nulla, ma prima che la paura potesse insorgere mi resi conto di aver aperto la porta all'aria aperta, dove sedeva il mio datore di lavoro, aspettando ardentemente il mio ritorno.

Borbottò sottovoce e mi sentii sollevato, come se un grande male mi avesse lasciato. Forse questo era il suo metodo di trasferimento pacifico; gli Oggetti si rifiutano di essere semplicemente consegnati a un nuovo maestro. Aggiustandosi gli occhiali, guardò oltre l'ago , borbottando ed esclamando in qualche strano linguaggio le sue scoperte. "Forse questo li ha tenuti insieme una volta?" L'ho sentito dire piuttosto chiaramente. Ricordo anche un dolore lancinante piuttosto acuto al petto.

Ci sono molti oggetti. Alcuni hanno significato solo se riuniti per formare la Sua forma. Altri cercano di conquistare quelli che li trattengono. E altri aiutano i loro Cercatori, come quello che hai che ti permette di parlare ai Dannati, come me.

Sii cauto quando hai a che fare con altri Cercatori, perché ci sono orrori là fuori. Tra questi c'è uno che giudica i dannati. E tutti quelli che si intromettono nei suoi affari sono davvero dannati.

Fare un afffare Modifica

Se aspetti fuori dalla torre, sarà occupato. Potrebbe essere d'accordo, quindi se ne andrà. Potrebbe ucciderti, è il tuo rischio.

Se aspetti dalla Tenuta, tornerà da un lavoro. Potresti approfittare del suo buon umore. Lui è i fuochi dell'inferno.

Se aspetti alle porte dell'inferno, potrebbe essere arrabbiato per la sconfitta o per il desiderio di divertimento. Spero per quest'ultimo.

Non dormire in questi luoghi.

L'attesa deve essere lunga.

Assicurati di essere preparato.

Se lo scambi per anni della tua vita, li prenderà e li imbottiglierà. Alla fine li concederà al suo amico o moglie e sentirai che la tua vita è vissuta.

Se gli scambi la tua anima, la prenderà e la indosserà. Alcuni dicono che li intreccia nelle fibre della sua tuta, ma si sbagliano. Sono in una piccola gabbia in un posto segreto nella sua testa. È un posto buio Stanno urlando.

Se gli scambi un oggetto, un potere o dei segreti, ti ingannerà. È un uomo frugale e spenderà meno di quanto guadagna.

Se ti offri di svolgere un'attività, potrebbe dimensionarti e guardarti. Prega, dice di si.

Se gli dai il tuo corpo dopo la tua morte, si renderà un servitore. Lavorerai instancabilmente per lui.

Se gli dai ricchezza o beni riderà. Forse non potrebbe semplicemente ucciderti e svolgere il tuo compito male; per il suo divertimento.

Non cercare di imbrogliarlo.

Non puoi rompere il giuramento.

Ti assegnerà un tormento senza nome.

Se gli chiedi ricchezza, potere o gioia, te lo darà. Saprà di cenere in bocca. Quando ti uccidi potrebbe ridere. Nessuno deve piangere.

Se chiedi di fare un omicidio o di distruggere un posto, lo spezzerà. La colpa potrebbe farti impazzire, in caso contrario; la distruzione che farà sarà inimmaginabile, insospettata e disgustosa. Prenderà le tue lacrime mentre cadono.

Se desideri recuperare un oggetto o rubare qualcosa, sarà indignato. Oggi avrai reso un potente nemico.

Se chiedi la vita, ti sarà concesso. Mentre le stelle si logorano si siederà al tuo fianco e sorriderà il suo sorriso crudele.

Nomina il tuo compito bene e saggiamente, dovrà obbedire alla lettera.

Assicurati che valga la pena, il costo sarà ripido.

Non fermarti per lasciarlo parlare: le sue parole sono vere ma astute.

Dopo averlo fatto, te lo chiederà.

"Sei contento?"

Dì di sì e ti chiamerà bugiardo. Potrebbe toglierti la lingua solo se è generoso quel giorno.

Di 'di no e prenderà insulto. Questo ti farà guadagnare una maledizione e una tomba precoce.

Oppure potresti dirgli che è stato fatto bene. Sarai costretto a vivere con ciò che hai desiderato e ciò che hai regalato. Forse questo è il destino peggiore.

Mentre si gira sul tallone e se ne va, lo odierai.

A causa del suo sorriso folle e malvagio.

Per la sua lunga e crudele risata.

A causa dei suoi occhi freddi e morti.

Perché ti ha dato quello che volevi.

E non lo riprenderà mai.

Vincent Modifica

Questo è un estratto da un diario di origine sconosciuta. La posizione del diario stesso, purtroppo, è sconosciuta, poiché questa era solo una pagina strappata da quel diario. La pagina stessa fornisce alcune informazioni preziose alla nostra causa, e per ora dovrebbe essere sufficiente.

"Ricordo ancora chiaramente. Ricordo ancora come eri lì in mezzo alla neve. Ricordo ancora tutto quello che è successo allora. Era notte e tutto era sereno. C'era una luna piena fuori, e le stelle erano luminose quella notte. E tu eri lì, in cima a quella collina, solo a guardarmi. Eri lì con la neve sugli occhi e mi guardavi. Mi guardavi con i tuoi occhi vuoti, me lo ricordo ancora. Eri in piedi lì, eppure potevo sentirti chiamarmi. Potrei sentirti nella mia mente, sussurrandomi. "Vincent, Vincent, vieni qui, ho qualcosa per te.", Mi dissi. Dissi "No", ma poi ti vidi semplicemente lì con quel tuo sorriso di rasoio e camminai verso di te.

Non so come sia successo, davvero. Francamente, c'era qualcosa in te che non potevo spiegare. E ti odiavo per questo. Ti odiavo con ogni fibra del mio essere per quello strano enigma che mi trasudavi. Quel senso di ... vuoto , immagino. Non ho potuto resistere all'essere attratto da te, ascoltare la tua voce, dirmi queste cose. Queste cose che mi hanno cambiato per sempre. Volevo uccidere te per questo, ma non ho potuto.

Nel momento in cui me l'hai detto, non ho capito. Non ho voluto capire. Volevo chiederti che cosa significasse, ma sei sparito così rapidamente come sei venuto, se sei venuto. E mi hai lasciato, in quella notte stellata, solo e freddo. Che bastardo senza cuore sei. Ora non potevo fare altro che tornare a casa e pensare. Sono andata a casa e ho pensato. Ho pensato a quello che hai detto. Ne ho anche chiesto ai miei amici, ma non ne avevano idea. Ho pensato che fossero inutili nella mia ricerca per capire, e quindi non le ho prestato attenzione. Dopo quelle che sembravano settimane di infinito pensiero e contemplazione, mi sono reso conto dell'errore che ho fatto. E l'ho fatto quello . Sono sicuro che sai cosa ho fatto, bastardo.

Tu eri lì.

Sì, sapevo che eri lì. Potevo sentirti quando hanno cercato di uccidermi. Sapevo che eri lì. Eri lì quando ho avuto il primo attacco al primo aggressore e so che hai sorriso quando gli altri sono scappati. Riesco a vedere il tuo sorriso mentre domavo il mio aggressore e non posso mai dimenticare quel ghigno che hai avuto quando ho preso il mio coltello e gli ho tagliato la gola. Ti ho sentito ridere mentre ero impegnato a scuoiarlo morto, ed è stato tutto ciò che ho potuto sentire quando ho capito cosa avevo appena fatto. Allora ti sei fermato. Perché ti sei fermato? Mi stavi dando questo momento per il mio lamento? Sai che non posso essere triste per quello che ho fatto. Mi prendevi in ​​giro, bastardo. Lo odio quando la gente mi prende in giro.

Ma ho guardato di nuovo il corpo del mio aggressore. Era davvero mia moglie, senza dubbio. Era mia moglie, tutto; tranne il suo occhio. Beh, forse lo era, ma certamente mi vuole. Quindi l'ho preso. Ho attirato la sua attenzione e mi ha parlato. Mi ha detto di cosa ha bisogno. The Eye ... vuole di più. The Eye vuole i suoi amici. The Eye ... The Eye vuole tutto. E ho capito.

Ho anche capito cosa mi hai detto allora. Ho capito cosa significasse tutto, perché così tanti devono perire, ma ho capito. Probabilmente mi è costato la mia sanità mentale, ma mi rendo conto che non c'è nulla che io possa fare. Devo farlo. Devo fare quello che hai detto. Cosa ha detto The Eye. Devono essere liberati. Devono incontrarsi.

Lo capisco adesso.

Ma, devo chiederti, perché mi hai fatto questo? Dimmi, bastardo vuoto! Perché devo capire?"

La pagina finisce qui.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.